Aumento del seno: la mastoplastica additiva

Aggiornato il: gen 10

La mammella ha un ruolo centrale nella psicologia estetica sia femminile che maschile. E' un richiamo di attrattività e sensualità

Grazie alla chirurgia estetica e agli impianti protesici è possibile aumentare il volume mammario e correggere quegli inestetismi presenti dalla nascita come il seno tuberoso, o in età adulta la ptosi della mammella.


Gli impianti protesici sono composti da silicone e possono avere forma rotonda o anatomica. La scelta di uno rispetto a un altro dipende dal chirurgo in base alla tipologia di intervento da eseguire.


mastoplastica additiva milano como protesi silicone
Diverse proiezioni di impianti in silicone

La posizione delle protesi potrà essere sottoghiandolare o sottomuscolare. Il piano di alloggiamento sarà scelto in base alle caratteristiche fisiche della paziente, in particolare giocano un ruolo fondamentale lo spessore cutaneo e la grandezza della ghiandola. I risultati migliori si ottengono generalmente con la posizione retromuscolare in quanto la protesi è difficilmente palpabile e visibile e permette di spingere anteriormente in maniera naturale la componente ghiandolare.



mastoplastica additiva dual plane milano como protesi seno
Impianto retroghiandolare e sottomuscolare

Durante la prima visita il dottore raccoglierà i dati fisici della paziente, prendendo anche le misure del torace e della ghiandola, e si potrà così avere una idea di partenza di che protesi si potrà impiantare. Personalmente permetto almeno 3 scelte di protesi e dimensione che penso potrebbero accontentare le richieste della paziente, in sala operatoria sarà mia cura provarle tutte fino a trovare quella che meglio si adatta alle caratteristiche fisiche della paziente.


Viene anche disegnato il tracciato pre operatorio, avendo cura di individuare eventuali asimmetrie e spiegarle alla paziente.


mastoplastica additiva milano como protesi seno
disegno pre operatorio

Infine, avendo idea del volume mammario desiderato e del piano di alloggiamento, si valuta anche dove posizionare la cicatrice chirurgica. L'ingresso areolare è perfetto per pazienti che non desiderano gravidanze e che vogliono un volume moderato. Permette di avere una cicatrice virtualmente invisibile.

L'ingresso dal solco inframammario è indicato per aumenti volumetrici più consistenti o per pazienti giovani che desiderano gravidanze, in modo da non intaccare il parenchima mammario.


La guarigione comporta fastidi per circa una settimana, controllabili con antinfiammatori e riposo assoluto. I punti vengono rimossi dopo 5-7 giorni, avendo cura di coprire la cicatrice con steri strip. Generalmente consiglio per almeno un mese l'astensione dall'attività fisica, in particolare quella che comporta l'utilizzo delle braccia e l'astensione da parte del partner da manipolazioni della mammella prima che sia passato almeno 1 mese e mezzo. Gonfiore e lividi restano per circa 14 giorni, la mammella pian piano sarà sempre più morbida e naturale al tatto fino ad arrivare alla guarigione completa in circa 1 anno.



mastoplastica additiva milano como protesi seno
Risultato a 30 giorni



mastoplastica additiva milano como

La durata delle protesi è lunga, possono essere lasciate senza problemi per decenni. Consiglio il reintervento solo in caso di rottura o ptosi mammaria.



Queste informazioni basilari possono essere completate a cura del paziente leggendo le informazioni nei consensi informati SICPRE che ho sempre cura di consegnare al paziente prima dell'operazione in modo che sia consapevole di tutti i rischi ed i benefici derivanti dall'operazione.

https://www.sicpre.it/mastoplastica-additiva/


138 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti