top of page

Ringiovanimento genitali femminili o Filler Vulvare


filler vulvare ringiovanimento genitale femminile

INTRODUZIONE

Il filler vulvare o filler vaginale, sebbene sia anatomicamente più corretto chiamarlo nel primo modo, costituito di acido ialuronico, è indicato per migliorare l’aspetto delle grandi labbra, del monte di venere e delle cicatrici atrofiche e/o depresse post episiotomia o post cesareo. L'acido ialuronico permette di ripristinare e migliorare i tessuti, ridonando idratazione e giovinezza alla zona, o vaginal puffing e di restringere il canale vaginale; un vero e proprio ringiovanimento dei genitali femminili.


Il filler vulvare implica l'utilizzo di una serie di iniezioni, fatte tramite cannula, di acido ialuronico specifico e biocompatibile nelle zone intime femminili. Questo procedimento offre una soluzione non chirurgica e non farmacologica efficace per ripristinare il volume e la tonicità dell'area interessata, migliorando complessivamente il suo aspetto e affrontando alcuni aspetti legati a molte situazioni che possono comparire durante la vita di una donna e per andare incontro all’esigenza di alcune donne di sentirsi più sicure e attraenti nella vita intima.


Oggi più di 20 milioni di donne sono colpite da prolasso uterino, lesioni da parto e incontinenza.

Per quanto il filler vulvare sia stato sdoganato grazie a diverse celebrità di Hollywood, tra cui è molto quotato, sono sempre di più le donne non appartenenti al mondo dello show biz che vi si sottopongono, e che da esso hanno tratto dei miglioramenti estetici che le hanno aiutate a vivere più serenamente la propria sessualità.



filler vulvare ringiovanimento genitale femminile

PER CHI?

Indicato per:

  • Donne in menopausa (ossia la scomparsa definitiva del ciclo mestruale dettata dall’esaurimento dell’attività ovarica) o premenopausa

  • Invecchiamento naturale della vulva

  • Danni traumatici accidentali, da intervento o parto (es. cicatrici da episiotomia, l’incisione per agevolare la fuoriuscita del bambino o lassità dell’orifizio vaginale)

  • Effetti di trattamenti medici di soppressione ormonale come la chemioterapia.

  • Inestetismi della vulva: migliorare le proporzioni tra grandi e piccole labbra (es. migliorare l’aspetto di piccole labbra troppo voluminose o protrudenti)


Sebbene questo tipo di procedura possa sembrare a primo impatto una mera “trovata holliwoodiana”, bisogna considerare che anche i genitali femminili, come il resto del nostro corpo, modificano il loro aspetto con lo scorrere degli anni. Ciò potrebbe comportare per alcune donne dei disagi sia a livello di autostima sia a livello di vita di coppia. Non solo, il filler alla vulva è considerato anche un aiuto per risolvere i discomfort legati alla vita di una donna.

Lo scopo, quindi, non è solo estetico ma anche correttivo-funzionale.



filler vulvare ringiovanimento genitale femminile

PERCHE’ RICORRERE AD UN TRATTAMENTO ESTETICO VULVARE?

Durante la menopausa, le donne attraversano un significativo cambiamento ormonale.

La menopausa è il periodo della vita di una donna in cui cessa la produzione di estrogeni e progesterone da parte delle ovaie.

Questo porta a diversi cambiamenti nel corpo. Dapprima compaiono le fluttuazioni ormonali, prima della menopausa, i livelli di estrogeni e progesterone possono fluttuare, causando sintomi come vampate di calore, sudorazione notturna, sbalzi d'umore e irregolarità del ciclo mestruale.


Durante e dopo la menopausa, invece, i livelli di estrogeni diminuiscono drasticamente. Questo è causa di una serie di sintomi, tra cui secchezza vaginale, perdita di densità ossea (osteoporosi), cambiamenti nell'umore, riduzione della libido e aumento del rischio di malattie cardiovascolari.

Le modifiche genitali femminili post-menopausali sono un normale risultato del cambiamento ormonale e delle modifiche fisiche che avvengono nel corpo di una donna.


Queste possono includere:

  • Secchezza vaginale: che può portare a disagio durante il rapporto sessuale o a un aumento del rischio di infezioni vaginali.

  • Atrofia vaginale: ovvero un assottigliamento e un indebolimento dei tessuti vaginali. Questo può portare a sintomi più gravi come dolore durante il rapporto sessuale oppure discomfort come prurito e bruciore.

  • Perdita di elasticità: causa una sensazione di riduzione della "tonicità" o della tensione vaginale

  • Cambiamenti nella lubrificazione: la produzione di muco cervicale e la lubrificazione naturale della vagina diminuiscono dopo la menopausa, rendendo meno agevole il rapporto sessuale, imbarazzo col il proprio partner e minore autostima verso sé stessi


filler vulvare ringiovanimento genitale femminile

PROCEDURA:

Il filler vulvare è un gel base di acido ialuronico, studiato appositamente per avere una densità adatta ai genitali. I filler utilizzati sui genitali sono esclusivamente riassorbibili (non esistono filler permanenti per l’area vulvare).


Il trattamento, in generale, dura per un periodo che va dai sei mesi fino ad un anno, a seconda del tipo di gel utilizzato, alle sue caratteristiche chimiche e al tipo di pelle e allo stile e alle abitudini di vita di chi vi si sottopone.


Il filler vulvare ha un’esecuzione relativamente rapida che richiede, in base ai casi, tempistiche che vanno dai 10 ai 30 minuti.  Lo svolgimento della procedura è in anestesia locale oppure senza anestesia.


Normalmente le sedute richieste per avere risultati visibili e soddisfacenti sono 2, che vengono dilazionate in uno - due mesi a seconda delle esigenze.


Dopo aver fatto un filler vaginale, ci sono alcune precauzioni e accortezze da seguire, come evitare di avere rapporti sessuali per circa una settimana, astenersi da attività che possono comportare una pressione sulla zona vulvare (come, ad esempio, il ciclismo o equitazione, indossare biancheria intima comoda, non colorata e in fibre naturali e di non depilarsi per una settimana.



filler vulvare ringiovanimento genitale femminile

POSSIBILI COMPLICANZE

Dopo l'uso di filler iniettabili, come nelle altre parti del corpo, è comune osservare un leggero gonfiore che tende a scomparire entro qualche giorno (solitamente 2-3 giorni).

Questo fenomeno è più comune nell’area vaginale data la sua normale caratteristica di idratazione della mucosa.

Altre complicanze sono ecchimosi o piccoli ematomi, che possono variare in intensità e durata (solitamente 7 giorni).

A volte possono formarsi piccoli accumuli di prodotto nei punti trattati, ma nella maggior parte dei casi queste si risolvono spontaneamente. In realtà grazie all’utilizzo della cannula rispetto all’ago questi sono meno frequenti.

Raramente possono verificarsi infezioni batteriche o reazioni da ipersensibilità che si possono trattare e risolvere con antibiotico terapia mirata.

Per questo motivo è indicato rivolgersi a professionisti esperti nell’inieziezioni di zone genitali (pene e vulva).



filler vulvare ringiovanimento genitale femminile



Post recenti

Mostra tutti

Comentarios


bottom of page